• First Image

    Informarsi per Conoscere

    La conoscenza sui fenomeni psicologici permette di correggere false credenze, atteggiamenti sbagliati ed errate interpretazioni degli eventi, con un immediato vantaggio personale.

  • First Image

    Informarsi per Prevenire

    Avere informazioni utili significa poter riconoscere per tempo le situazioni pericolose, e le proprie reazioni poco adattive, prevenendo così le problematiche psicologiche.

  • First Image

    Informarsi per Informare

    Migliorando la propria conoscenza e diffondendo le corrette informazioni psicologiche in famiglia, con gli amici e al lavoro, si ottiene un miglioramento della cultura psicologica e una riduzione dei disagi dovuti all'ignoranza.

  • First Image

    Informarsi al MIP

    Con il MIP, Maggio di Informazione Psicologica, ogni persona può partecipare gratuitamente ai seminari sulla psicologia e richiedere un colloquio psicologico gratuito con uno Psicologo aderente MIP .

"NON C'E' SALUTE SENZA SALUTE MENTALE"

PARTECIPARE AL MIP

Durante il mese di Maggio partecipa ai SEMINARI INFORMATIVI GRATUITI del MIP, Maggio di Informazione Psicologica.
Prenota subito on line!
Puoi anche chiedere un colloquio psicologico gratuito con uno degli ADERENTI MIP.

graph

ORGANIGRAMMA

Il MIP è organizzato da Psycommunity, la comunità degli Psicologi on line.
Centinaia di psicologi collaborano per la realizzazione di questo importante progetto di informazione psicologica.
Consulta l'ORGANIGRAMMA del MIP.

graph

Domande?

Per qualsiasi dubbio consulta le FAQ.
Se non trovi le risposte allora scrivici, all'indirizzo scrivi@psicologimip.it, oppure compila il modulo.

Maggio di Informazione Psicologica

COMUNICATO DIFFUSIONE MIP

MAGGIO DI INFORMAZIONE PSICOLOGICA 2014, 7ª edizione

Il mese della prevenzione psicologica in Italia

Psycommunity, la comunità online degli psicologi italiani, è lieta di presentare la 7ª edizione del MIP, Maggio di Informazione Psicologica, la campagna nazionale di prevenzione del disagio psichico.

Gli psicologi MIP tornano per promuovere il benessere psicologico, perché “non c’è salute senza salute mentale”!

1.000 psicologi e psicoterapeuti, in 66 province e numerosissimi comuni, offriranno:

  • 1 colloquio gratuito a chiunque ne farà richiesta
  • 1000 appuntamenti aperti al pubblico fra incontri informativi e a tema, conferenze, seminari e gruppi esperienziali nei quali si affronteranno i più varii argomenti della nostra vita quotidiana, indagati attraverso la lente della psicologia.

Salute mentale: cos’è e perché fare prevenzione?

La salute mentale è una condizione di benessere globale grazie alla quale ogni persona realizza appieno le proprie potenzialità, affronta le normali difficoltà della vita, è in grado di lavorare in maniera produttiva e con profitto e di fornire un contributo positivo alla comunità nella quale vive.

In molti paesi, compreso il nostro, le risorse umane e finanziarie messe a disposizione di servizi di salute mentale sono insufficienti e per lo più indirizzate nella cura e nel trattamento delle persone con malattie mentali. Al contrario, sarebbe necessario operare nella direzione della prevenzione, al fine di aiutare le persone a tutelare il proprio benessere psichico.

Un sistema veramente integrato di salute mentale richiederebbe il passaggio da un concetto di consulenza individuale e centrata sul disagio ad un modello di interventi sistemici e indirizzati alla comunità. Sarebbe necessario inserire la salute mentale nell’assistenza sanitaria di base, fornendo assistenza sanitaria in ospedale e sviluppando servizi di salute mentale territoriali e indirizzati alla comunità.

Alcuni piccoli segnali in questo senso sono stati lanciati da Regioni come la Campania che ha istituito i Servizi di Psicologia Territoriale, e il Veneto che ha dato vita a un servizio per la prevenzione dei suicidi.

Come sostiene l’Ordine degli Psicologi Italiani, con l’aiuto di uno psicologo, il difficile diventa facile. Il lavoro degli psicologi contribuisce infatti alla promozione del benessere delle persone e delle organizzazioni.

Gli psicologi del MIP, Maggio di Informazione Psicologica, s’impegnano dal 2008 per consentire a tutti di avere accesso alla prevenzione per tutelare il proprio benessere psichico, perché “non c’è salute senza salute mentale”! E per questo ogni anno mettono gratuitamente le proprie competenze a disposizione della comunità e di chi vuole tutelare il proprio benessere.

COS’È IL MIP?

Il MIP, Maggio di Informazione Psicologica, WWW.PSICOLOGIMIP.IT, edizione 2014, è la prima campagna nazionale di prevenzione del disagio psichico.

Nasce nel 2008 da un’iniziativa di Psycommunity e da allora persegue gli obiettivi di diffondere un’adeguata cultura del benessere psicologico; sensibilizzare alla prevenzione del disagio psichico; facilitare l’incontro con lo psicologo e lo psicoterapeuta; divulgare corrette informazioni, sfatare pregiudizi e stigma sociale; incoraggiare e promuovere la cultura psicologica in Italia; far conoscere gli ambiti di applicazione della psicologia; fare chiarezza sulla professionalità dello psicologo e dello psicoterapeuta.

Nel corso delle sei precedenti edizioni:

  • più di 40.000 le persone che si sono avvicinate alla psicologia attraverso il MIP
  • 3000 gli incontri e i seminari svolti, aperti al pubblico gratuitamente, su qualunque ambito della psicologia
  • 4500 i professionisti che hanno messo gratuitamente la propria esperienza e le proprie conoscenze a disposizione delle persone, incontrandole e fornendo informazioni sulla prevenzione, sul benessere psicologico, sulla psicologia e sugli psicologi ed erogando colloqui clinici a chi ne facesse esplicita richiesta.

COS’È PSYCOMMUNITY?

Psycommunity è la più grande web community degli psicologi italiani che si impegnano, a titolo volontario, a organizzare eventi e manifestazioni culturali inerenti la psicologia e la sua divulgazione.

Nasce nel 2003 e raccoglie circa 7500 membri tra gli psicologi italiani interessati a costituire una comunità virtuale dove condividere liberamente i propri interessi. Le attività della comunità favoriscono l’integrazione e il confronto, nonché la messa a punto di progetti comuni, tra i quali il più impegnativo è stato finora senz’altro il MIP, Maggio di Informazione Psicologica, www.psicologimip.it.

Psicologia. Finalmente qualche piccola Good News!

Psicologia/Psicoterapia: le parole che cambiano i fatti

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi Italiani, il 26 novembre scorso, ha lanciato la prima campagna pubblicitaria per la promozione della psicologia. Attraverso lo slogan:

Con l’aiuto di uno psicologo, il difficile diventa facile

si è voluto segnalare con forza quanto il lavoro degli psicologi contribuisca alla promozione del benessere delle persone e delle organizzazioni, invitando tutti a rivolgersi con fiducia agli psicologi. Errati luoghi comuni portano a ritenere che l’attività degli psicologi consista soltanto in chiacchiere. Al contrario, gli psicologi lavorano con le parole in modo che siano i fatti a cambiare. Lavorano per far sì che la scuola sia un luogo di crescita e maturazione, le aziende possano svilupparsi e i servizi siano più efficienti. Lavorano per rendere più efficaci le cure negli ospedali. Operano - quando messi in condizione di farlo - con i medici di base per offrire le migliori risposte ai bisogni dei pazienti. Concorrono ad orientare gli atteggiamenti ed i comportamenti delle persone e delle comunità verso il benessere.
Purtroppo, denuncia il Consiglio Nazionale dell’Ordine, nel nostro paese sarebbero necessarie istituzioni coraggiose che prestino più attenzione ai cittadini e al bene comune.

Regione Veneto: progetto InOltre, uno sportello psicologico per la prevenzione dei suicidi

Un primo segnale di cambiamento, in direzione di una maggiore attenzione alla prevenzione psicologica ci viene dalla Regione Veneto. “La crisi uccide e porta a compiere gesti inconsulti, dichiara il presidente Zaia, ma non bisogna cedere…” Per questo motivo, da circa un anno, è stato attivato uno sportello di assistenza psicologica e di accompagnamento terapeutico anti-suicidio con il Progetto InOltre. Dalla sua istituzione, nell’estate del 2013, il numero verde riceve più di una telefonata al giorno di imprenditori che hanno trovato ascolto immediato e assistenza sanitaria, venendo avviati a veri e propri programmi terapeutici a cura dei servizi territoriali di residenza. Gli psicologi del Progetto InOltre lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e, sulla base delle loro valutazioni, gli utenti che lo necessitano sono presi in carico dai servizi sanitari e seguiti in un percorso psicologico. Ma le telefonate giungono anche da altre regioni!

Regione Lombardia: novità in campo Riabilitativo

La Giunta Regionale lombarda, con la delibera 1185, ha inserito, tra le regole per ottenere l’accreditamento per le strutture riabilitative, l’obbligatorietà della figura dello psicologo e del neuropsicologo. L’attività riabilitativa è stata riorganizzata per livelli di complessità e di setting assistenziali specifici e tra i requisiti relativi all’area Degenza, in merito alla Riabilitazione intensiva ad alta complessità e alla Riabilitazione intensiva, è richiesta la presenza di uno psicologo o un neuropsicologo per almeno 15 ore settimanali ogni 20 posti letto; per la Riabilitazione estensiva, per almeno 10 ore settimanali, sempre ogni 20 posti letto.

Regione Campania: istituzione del Servizio di Psicologia del Territorio

Il Consiglio regionale campano, su iniziativa popolare promossa dall’Ordine degli Psicologi della Campania, istituisce i Servizi di Psicologia Territoriale. La Campania diventa così la prima regione italiana a dotarsi di uno strumento legislativo nell’area dei servizi sociali e della scuola. Con questa proposta di legge si colma un vuoto legislativo, passando da un concetto di consulenza individuale e centrata sul disagio ad un modello di interventi sistemici e comunitari. Il Servizio di Psicologia del Territorio sarà finalizzato ad interventi in contesti residenziali e semiresidenziali per soggetti con fragilità sociale, in centri di accoglienza per donne maltrattate, a favore di soggetti fragili minacciati o vittime di violenza fisica, sessuale e psicologica, di famiglie con membri affetti da disabilità, famiglie ad alto rischio di disgregazione, impegnate nei percorsi di affido e adozione, interventi in favore di minori e adulti con carichi penali o mirati a favorire la piena integrazione di cittadini immigrati. Inoltre dovranno essere previsti interventi d’informazione e consulenza finalizzati al benessere nella scuola, al successo formativo e alla prevenzione, nonché al contrasto del disagio giovanile e dei comportamenti a rischio.

Stop alla NeckNomination: la prevenzione in età adolescenziale

  • 1 adolescente su 5 soffre di un disturbo psicologico grave;
  • in Italia, il suicidio tra gli under 20 è la seconda causa di morte;
  • 8 adolescenti su 100 soffrono di depressione;
  • l’1% delle ragazze soffre di anoressia;
  • ma frequenti sono anche bulimia, disturbi della condotta, psicosi ad insorgenza precocissima (prima dei 12 anni).

Come se non bastesse,

  • 1 milione e 500mila i giovani, tra gli 11 e i 24 anni, sono a rischio alcol

Da SiaLombardia arriva un nuovo allarme: è sbarcata anche in Italia ed imperversa sul web la moda della Necknomination! Nel panorama già preoccupante del crescente numero di adolescenti che fanno ricorso all’abuso di alcolici, dall’Australia e dal Regno Unito, dove già si sono verificati numerosi decessi, una nuova sfida che i ragazzi si lanciano sui profili Facebook o attraverso altri Social, come Instagram o Youtube, consiste nell’essere sfidati a bere tutto d’un fiato una (o più) bevande alcoliche, videoriprendendosi. Se l’adolescente decide di raccogliere la sfida, sceglie quali e quante bevande alcoliche consumare nel più breve tempo possibile e, al termine della videoripresa, invita altri tre conoscenti ad emularlo, sfidandoli pubblicamente. A tale scopo la SIA, Società Italiana di Alcologia, predisporrà materiale utile per prevenire e scoraggiare tale pratica.

Social Street, la nuova moda per uscire dall’isolamento e dal disagio sociale

Il bisogno di ricostruire una comunità e un senso di appartenza e la ricerca di una rete di relazioni interpersonali si ricrea dal basso e vede sovente attivi anche tanti psicologi. Con lo slogan
       Perché il nostro quartiere sia sempre più a misura di tutti e di ognuno!
in molte città si cerca di far fronte ai nuovi problemi generati dalla lunga crisi economica e al disagio dell’isolamento sociale. La Social Street è il nuovo modo per conoscere le persone che vivono nella propria zona e creare relazioni di buon vicinato. Nascono così nuovi gruppi per discutere, organizzare feste, scambiarsi informazioni, favori e lavori, condividere progetti e idee.

Ci piace segnalare anche:

25 milioni di sterline per offrire assistenza alla popolazione carceraria

Mentre in Italia si discute sul decreto svuota carceri, il Ministero della Salute del Regno Unito, investirà questa ragguardevole cifra per creare team di collegamento, allo scopo di fornire trattamenti di assistenza e cura alla popolazione carceraria. E’ stato infatti stimato, già dal 2009, grazie al rapporto Bradley, che le persone che finiscono in carcere presentano spesso un problema di salute mentale, un problema di abuso sostanza o difficoltà di apprendimento. Spesso le diagnosi di disagio psichico vengono formulate solo dopo che queste persone hanno avuto problemi con la giustizia. Per offrire un servizio di cura più adeguato e veloce e per evitare che tali soggetti si rendano responsabili di recidive, nelle dieci aree di Merseyside, London, Avon and Wiltshire, Leicester, Sussex, Dorset, Sunderland and Middlesbrough, Covertry, South Essex e Wakefiled, partirà questo progetto pilota. I finanziamenti verranno estesi a tutto il territorio a partire dal 2017, in funzione dei risultati conseguiti.

Spot contro i pregiudizi sullo stigma e sulla malattia mentale

Il Centro di Salute Mentale, le cooperative sociali della Rete della Salute Mentale e l’associazione degli utenti Liberamente Insieme di Campobasso hanno prodotto nel 2012 questo spot antistigma, diretto da Franco Veltro, responsabile del CSM, con la collaborazione del regista Willi Mussini. https://www.youtube.com/watch?v=41VVTcPdKN4

La psicologia italiana raccontata a mia figlia

Film documentario ideato da Raffaele Felaco, Presidente dell’Ordine degli Psicologi Campania, girato da Lorenzo Cioffi, promosso dal Consiglio Nazionale dell’Ordine Psicologi, racconta, con interviste ad alcuni dei suoi protagonisti più illustri, un viaggio nella storia della psicologia italiana per curarne la memoria. https://www.youtube.com/watch?v=41VVTcPdKN4

E per concludere, la Psicantria…

Per fare prevenzione psicologica si può anche cantare! Questo sembra essere l’intento di due cantautori un po’ speciali, Gasparre Palmieri, psichiatra, e Cristian Grassilli, psicologo e psicoterapeuta. La Psicantria, combinazione di psichiatria, psicologia e canto, ha come finalità quella di far conoscere, in forma divertente e scanzonata, i disturbi psichici più comuni e fare chiarezza sullo “psicomondo” attraverso la canzone. http://www.psicantria.it/ita/

Ufficio MIP relazioni con la Stampa

Roma: Stefania Tucci
portavoce nazionale MIP, tel. 330409716, stampa@psicologimip.it

Milano: Patrizia Frongia, tel. 3478741456, pafrong@tin.it

Genova: Eugenio De Gregorio, tel. 3493597580, drwhy@degregorio.mygbiz.com